venerdì 26 dicembre 2014

MINI RECENSIONE: "I SEGRETI DI COLDTOWN" DI HOLLY BLACK


Ciao a tutti, nargilli! By the way, devo ancora sistemare per bene la mia wishlist libresca perché è un casino, per questo la recensione di oggi sarà breve e riassuntiva, dando vita ad una Mini Recensione! Come avete visto dal mio Chi Ben Comincia, ho dunque finito I segreti di Coldtown di Holly Black, un libro che mi ha fatto rivalutare i vampiri mostrandone il lato più oscuro - niente a che vedere con tutti quelle brutte copie dei mammalucchi di Twilight. Qui si parla di creature assetate, dark e spietate... un libro cupo ma stupendo! Iniziamo con un po' di dati generali! 

I segreti di Coldtown
di Holly Black

Goodreads rating: 3,86
Casa editrice: Mondadori
Prezzo su Amazon: 14,45  

Trama: Ti svegli la mattina dopo una festa: sei stesa in una vasca da bagno, la tenda tirata, intorno un profondo silenzio. Gli altri staranno ancora dormendo? Quando ti alzi e giri di stanza in stanza, scopri che durante la notte è successo qualcosa di tremendo. Legato a una sedia, trovi un misterioso ragazzo dagli occhi rossi. Vicino a lui, vivo e ammanettato, c'è Aidan, il tuo ex: appena provi a liberarlo, ti assale in preda a una fame atavica. Tutto questo non è normale, neppure se ti chiami Tana e sei nata in un mondo molto simile al nostro, un mondo in cui le persone si trasformano in mostri assetati di sangue e vivono confinati nelle Coldtown. Li chiami vampiri, ma potrebbero avere anche altri nomi. Molti di loro sono celebrità, li trovi ogni sera in televisione: tutti i canali trasmettono in diretta le loro feste più trasgressive. Ora non puoi più evitarli, e hai solo ottantotto giorni per salvarti: ma a quanto sei disposta a rinunciare per tenere in vita ciò che non vuoi perdere?





Iniziamo col dire che Holly Black è una nuova scoperta, non avevo mai letto nulla di suo prima di questo libro, e se potessi fare un appunto direi che ha una passione smodata per il sangue. Non passerà pagina di questo libro in cui non leggiate la parola "sangue", ripetuta per innumerevoli volte, quindi preparatevi psicologicamente. Il libro catapulta il lettore in una dimensione in cui non sembra esista il sole, tanto le vicende sono tetre e macabre: le Coldtown sono posti in cui non vorreste mettere piede neanche morti (anche se, teoricamente, da vampiri si è già morti) benché alla televisione trasmettano continuamente le fastose feste di Lucien e del Ballo Eterno. Sono luoghi in cui la sopravvivenza conta più di ogni altra cosa, non esistono vie di mezzo o compromessi. Ecco perché il personaggio di Tana è così incisivo: possiede innumerevoli sfaccettature, ma non si sente completamente rappresentata da nessuna di esse, così stupisce sempre il lettore dal momento che nemmeno lei stessa è certa delle sue scelte. Poi c'è il tenebroso Gavriel, ma che vi sto a dire? E' assolutamente meraviglioso come ogni vampiro. Non fatevi alienare troppo però, anche Aidan non scherza mica. 

Ho un altro appunto da farvi: si tratta di un autoconclusivo, non di una serie, quindi potete tuffarvi a capofitto in questa lettura senza alcun timore per interminabili saghe. Lo stile, come già sottolineato, è volutamente cupo ma scorre così lineare che è un piacere immenso. Ho adorato l'idea che il libro si svolga in una specie di presente parallelo, molto credibile dal punto di vista dell'ambientazione ma con l'unica aggiunta della presenza dei vampiri: per la prima volta questi non sono creature nascoste in cui nessuno crede, ma vere persone che incantano e spaventano allo stesso tempo. La popolazione è pienamente consapevole della diffusione del vampirismo, e non può fare altro che cercare di contrastarlo nei modi più vari; dall'altro lato della medaglia, però, c'è chi disperatamente cerca di essere trasformato in un affascinate vampiro. Due opinioni diverse, che convivono e contrastano. 


I segreti di Coldtown sviluppa alla perfezione ogni aspetto, soprattutto i più tenebrosi, di queste creature che ormai mi apparivano consumate. Sono certa che non vi deluderà! Che ne dite, vi ha incuriosito questa mini recensione da bene 4.5 stelle? Avete già letto/ Volete leggere I segreti di Coldtown? Alla prossima, nargilli!



Marta (Cinnamon Cookie)

6 commenti:

  1. Bellissimo!
    Mi è venuta voglia di ri-leggerlo!*--------*

    RispondiElimina
  2. Mi hai incuriosito tantissimo! Appena ne avrò l'occasione penso proprio che recupererò questo libro! **

    RispondiElimina
  3. Ciao Marta, arrivo un po' in ritardocon il commento :-p comunque, la recensione mi è piaciuta davvero tanto ^^ non sono un'amante dei vampiri ma per stavolta farò un'eccezione ;) comunque, il fatto che sia autoconclusivo mi piace,non fraintendermi amo le saghe ma delle volte le tirano un po' per le lunghe
    Baci e alla prossima <3

    P.S. ma solo io trovo che la cover italiana sia orribile? :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io dopo il boom dei libri pseudo-Twilight non ero molto convinta di leggere ancora qualcosa sui vampiri, ma mi sono ricreduta! La trama è davvero coinvolgente, così come lo stile di scrittura della Black. E poi in effetti gli autoconclusivi in certi casi sono mooolto meglio!

      La cover non è delle migliori, preferisco l'originale, tuttavia si adatta bene alla storia ;)

      Elimina

Se ti è piaciuto questo post, scrivici! I tuoi commenti alimentano il nostro blog ed a noi fa sempre piacere sentire le tue opinioni e risponderti :3